Ofmer 266-E I° versione II° modello
<< Ofmer  
266/E - I versione / II modello

Le differenze principali dal I° modello sono la mancanza del cuscinetto supplementare che assiste la corona, e l’archetto con un diverso comando scatto.
E’ palese che il secondo di questi modelli, è questo senza il cuscinetto. Ma a parte la logica, ci sono segni evidenti per i quali, si evince che l’eccedenza di materiale sul mozzo della corona, della prima versione, è stata rimossa con una lavorazione meccanica (vedi foto).
Non si rileva dalla documentazione in mio possesso che questo modello possa montare la omonima bobina marcata 266/E, anche se perfettamente compatibile, non esiste alcun modello Ofmer, che utilizza una bobina di numero corrispondente al modello.
Molti esemplari in mio possesso, ne sono provvisti, così come ritrovati, ma non ho la documentata certezza, quindi fino a definitivo chiarimento il dubbio rimane, e le bobine anche.
A mio modesto parere, almeno i primi modelli, dovrebbero montare le bobine metalliche 270/A oppure 270/B, i successivi potrebbero avere anche le 266/E, fino al secondo modello, ma dal terzo in poi, le bobine possono essere le più moderne 268/B, 268/A, oppure 268.

Ofmer 266-E I° versione II° modello
 
Ofmer 266-E I° versione II° modello
 
Ofmer 266-E I° versione II° modello
 
Renzo Di Paolo - marzo 2014  

Scheda Tecnica

peso 360g
rapporto 4,25 : 1
ingranaggi elicoidali
anti-ritorno presente
bobina Bakelite marcata 266/E ??
colore grigio-verde anodizzato
note
Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2018
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.