Coptes Gemini 1- mulinello prodotto a Torinno
<< Coptes  
Gemini I, II, III e IV

La serie Gemini rappresenta l'ultimo sforzo progettuale e realizzativo della CopTes compiuto a cavallo del 1976/1977 che caratterizzerà anche l'evoluzione della serie degli Alcedo Gemini Super oltre che alcuni modelli destinati al mercato nord americano.

CopTes serie Gemini mulinelli prodotti a Torino
 
CopTes Gemini I - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
CopTes Gemini II - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
CopTes Gemini III - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
CopTes Gemini IV - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
CopTes Gemini - mulinelli prodotti a Torino
 

E' evidente che gli Gemini rappresentano l'evoluzione del CopTes 500 e ne rispecchiano quasi del tutto anche la forma. A confronto il modello III risulta avere le stesse dimensioni del CopTes 500 (anche se di pochi grammi più leggero).

CopTes - confronto tra Gemini III e 500

Il dimensionamento dei quattro modelli è abbastanza contenuto, da 200g a 290g, e per questo motivo risultano destinati quasi esclusivamente alla pesca a recupero con attrezzature leggere. E' necessario precisare che non si tratta proprio di quattro mulinelli in scala con misure diverse. In realtà le versioni I e II utilizzano lo stesso corpo così come anche il numero III e il IV. A variare per ogni modello è la girante, l'archetto e la relativa bobina.

CopTes bobine Gemini a confronto
 
CopTes bobine Gemini a confronto

Di seguito il peso dei mulinelli oltre al diametro e la capacità delle bobine:

  • Gemini I = peso 200g / 41,5 mm / 100 m da 0,20 mm
  • Gemini II = peso 220g / 46,0 mm / 160 m da 0,20 mm
  • Gemini III = peso 270g /48,5 mm / 200 m da 0,20 mm
  • Gemini VI = peso 290g / 57,0 mm / 100 m da 0,35 mm

Il rapporto di rotazione è per tutti i modelli di 1 : 5,1. Le nuove bobine sono realizzate in metallo e possono essere sostituite velocemente tramite il pulsante presente al centro del galletto frizione.
In tutti i mulinelli è presente l'innovativo dispositivo interno che ne impedisce l'autoscatto accidentale; due nuove camme (eccentrici) in nylon e due molle ne permettono uno scatto dell'archetto più dolce e silenzioso. Il pulsante dell'anti-ritorno è realizzato in plastica e ha una posizione più comoda nella parte posteriore del corpo, appena dietro al gambo del piede. Il pignone e la corona hanno denti elicoidali e sono trattati per l'utilizzo anche in acqua marina. L'utilizzo di un cuscinetto a sfere Riv-SKF garantisce una migliore silenziosità e scorrevolezza.

Coptes Gemini I, II, III e IV - antichi mulinelli italiani
Scarica la brochure in formato PDF
 
Coptes Gemini I, II, III e IV - antichi mulinelli italiani
Scarica la brochure in formato PDF

La serie Gemini venne commercializzata anche nel mercato del Nord America dalla società ORVIS con i modelli rinominati: 400, 425, 450 e 475.

Sergio Di Marco - giugno 2012   
agg.nto aprile 2014 - ultimo agg.nto settembre 2017    
 

Scheda Tecnica

peso 200 g / 220g / 270g / 290g
rapporto 1 : 5,1
ingranaggi elicoidali di precisione
anti-ritorno presente
bobina metallo / estraibile tramite pulsante
colore anodizzato
note
  • archetto in acciaio
  • 2 camme in nylon
  • doppia molla per lo scatto dell'archetto
  • manovella ripegabile
Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2018
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.