Holliday 30 - progetto di Edward F. Small del 1959
<< Zangi  
HOLLIDAY 30, 40 e 60

In questo caso specifico la ZANGI si limitò alla sola produzione commissionata dalla società Holliday Reels Company in East Taunton - Massachusetts (USA).
La progettazione del mulinello venne curata da Edward F. Small famoso ingegnere meccanico di Newtonville - Massachusetts, lo stesso aveva già disegnato altri importanti mulinelli a bobina coperta e senza archetto.
Il progetto realizzato venne brevettato il 31 marzo del 1959 (n.2879954); la Holliday Reel Company mise in commercio questo prodotto dal 1961 al 1964. A
nalizzando gli schemi del brevetto si evidenziano sensibili differenze con le versioni prodotte, probabilmente per rendere il prodotto realmente commercializzabile furono necessarie svariate modifiche al progetto iniziale.
Come evidenziano i disegni del brevetto, la bobina è priva della frizione e risulta solo avvitata al perno oscillate (sali-scendi), la frizione invece è attivata da una ghiera posta sull'asse della manovella.

Questa particolare famiglia si compone di tre modelli, il 30, il 40 (anche destro) e il 60 (anche destro).
Oltre che per la singolare forma a proiettile si distinguono anche per la particolare anodizzazione con abbinamento in verde scuro/oro, in nero/oro e nero/amaranto.
Anche se ancora in fase di studio, considerando il brevetto e relativa datazione, è ipotizzabile che il modello 30 si astato il primo ad essere prodotto e commercializzato.

Zangi Holliday 30
 
mulinello Holliday 30 - 40 - 60 copia brevetto USA
 
Visualizza copia del brevetto iniziale (formato PDF)
 
Visualizza i mulinelli progettati da Edward F. Small
 
Pubblicità del 1964
 
 
 
Holliday 30
 
Holliday 40
 
 
 
ZANGI - Holliday 30 - nero e oro - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
Holliday 30 con doppio prendi-filo
ZANGI - Holliday 30 - nero e oro - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
 
Zangi Holliday 30 - per il mercato italiano
 
Zangi Holliday 30 - per il mercato italiano
 
ZANGI - Holliday 30 - nero e oro - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
 
ZANGI - Holliday 40 - nero e rosso - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
Holliday 40 - nero e amaranto con due prendi-filo
ZANGI - Holliday 40 - nero e rosso - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
 
ZANGI - Holliday 40 - nero e rosso - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
Holliday 40 verde e oro // Holliday 40 nero e amaranto
 
Zangi Holliday 40 e 60 manovella a destra
Holliday 40 e 60 - versione per mancini
Ringrazio l'amico e grande collezionista
Ben Wright
per avermi fornito i due rari esemplari con manovella a destra.
Zangi Holliday 40 e 60 manovella a destra
 
Zangi Holliday 40 e 60 manovella a destra
 
Zangi Holliday 40 e 60 manovella a destra
 

La cattura della lenza avviene attraverso un particolare "ago" ricavato con un taglio obliquo direttamente nel bordo del rotore. Dove termina il taglio, a tutela della lenza, è fissato un particolare prendi-filo circolare in carburo di tungsteno. Alcuni modelli hanno un doppio prendi-filo.

I modelli 30 e 40, sono destinati alla pesca leggera e medio-leggera, hanno stessa dimensione del corpo ma si differenziano per il rotore e per la bobina di diversa grandezza.
Il restante modello 60 è destinato alla pesca medio-pesante e per questo motivo ha dimensioni sensibilmente maggiori, una manovella più grande (ripiegabile) e il gambo del piede più lungo e piegato.
Ad oggi solo le taglie "40" e "60" risultano realizzate anche nella versione con manovella montata sul lato destro del corpo.

Holliday 60 - vecchio mulinello costruito dalla ZANGI
 
Holliday 60 - vecchio mulinello costruito dalla ZANGI
 
Holliday 60 - vecchio mulinello costruito dalla ZANGI
 
Holliday 60 - vecchio mulinello costruito dalla ZANGI
 
Holliday 60 vecchio mulinello
 
Zangi Holliday  - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
 

Tutte le versioni hanno il gambo del piede smontabile e sostituibile in caso di rottura, una rotellina posta sul lato manovella permette la disattivazione dell'anti-ritorno.

Scarica la brochure del modello 30 (formato PDF)
Una curiosità: il documento esposto evidenzia come fosse possibile intercambiare le parti. La dicitura "two reels in one" identificava proprio che si potevano avere due mulinelli di misura diversa sullo stesso corpo. In pratica bastava acquistare una girante e una bobina del modello 40 da sostituire a quella montata sul 30 (era valido anche il processo inverso).
 
ZANGI Holliday 30 pubblicita' 1960
L'immagine soprastante è tratta da una vecchia
rivista del settore (datata 1963).
 
Scarica la brochure del modello 60 (formato PDF)
 
 
 
 
Ringrazio l'amico Paolo Aimetti per avermi segnalato e fornito alcune pubblicità presenti nella scheda.
 
Sergio Di Marco- giugno 2012  
- agg.nto giugno 2014   
- ultimo agg.nto gennaio 2015   

Scheda Tecnica

peso 240g / 255g / 440g
rapporto 3,66 : 1
ingranaggi conici
anti-ritorno disinseribile
bobina color oro 30/40 - verde 60
colore copro anodizzato verde scuro o nero
note

 

Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2018
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.