<< Zangi  
PIONEER 1, 2 e 3
Zangi Pioneer 1 2 3 - vecchi mulinelli italiani

Questa particolare famiglia di mulinelli si compone di 3 modelli in scala di non facile reperimento.
Dalle ricerche che ho potuto eseguire nel tempo sono giunto ad ipotizzare che la Zangi, a suo tempo, per diversi prodotti aveva intrapreso diverse collaborazioni internazionali concretizzate nella nascita di modelli molto particolari !
In tal senso mi riferisco a tre casi documentati e verificabili, oltre ai Pioneer (compreso i TedWilliams 350/450/550) riguardano anche gli "Holliday" e gli "OldPal"!
Nello specifico e relativamente ai Pioneer e ai "TedWilliams" basta fare riferimento al brevetto USA
n.2879954 (stesso numero di brevetto degli Holliday) relativamente al progetto di Edward F.Small, registrato in data 27 giugno 1956. Essendo tutti i modelli marchiati "Made in Italy" è certo che siano stati fabbricati nelle officine di Torino, alla luce di quanto esposto, occorrerebbe rivalutare almeno la paternità riguardante la "girante (completa di prendi-filo fisso)" !
Naturalmente lo studio continua nella speranza che possano essere chiariti in futuro ulteriori dettagli.

ZANGI Pioneer 1 / 2 / 3  - vecchi mulinelli prodotti a Torino
 
Visualizza i mulinelli progettati da Edward F. Small
(by Steven K. Vernon and Randy Heller)
 
Pioneer 1 2 3 parts-list (esploso parti)
 

Il Pioneer 1 è il modello minore della serie e destinato alla pesca leggera, il suo peso è di 210g.

Il Pioneer 2 e 2S, mulinello adatto alla pesca medio-leggera, il peso è di 320g.

Il Pioneer 3 e 3S, è il modello grande della serie, destinato alla pesca pesante, fondo e in mare, il peso è di 420g.

I 3 mulinelli hanno la sola base del corpo nelle misure dell'Atom, del 2000 e del Titan.
Le colorazioni possono essere varie, totalmente anodizzati con variazioni tra il verde-scuro ed azzurro-scuro oppure verniciati in amaranto. I modelli n.2 e n.3 presentano anche una curvatura del gambo del piede simile al "Tornado Super" e "999".
Almeno per quanto già visionato, le stesse versioni marchiate "S", sempre relative al n.2 e n.3, stranamente non presentano la piegatura del gambo (stessa cosa succede anche per i modelli TedWilliams 451 e 551). Sui modelli "S" non è presente la bordatura sul perimetro del coperchio laterale ed è inciso solo il nome e il numero del modello e senza le scritte "Patent" e "Zangi".
Per onor di cronaca e documentazione, devo anche segnalare che posseggo alcuni carter "S" (pezzi di ricambio) speculari a quelli presenti nelle versioni normali !

Il funzionamento del sistema per il recupero della lenza è similare a quello del Pelican 350 anche se il prendi-filo ha dimensioni maggiori.

 
 
ZANGI Pioneer - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
 
 
 
 
 
In questa ultima immagine espongo uno particolare Pioneer 3-S (immagine presa dal web) verniciato in grigio-chiaro; naturalmente non ho certezza dell'originalità del modello!
 
Sergio Di Marco- Giugno 2012  
(ultimo agg.nto Gennaio 2014)  
(ultimo agg.nto Novembre 2018)  

Scheda Tecnica

peso 210g / 320g / 420g
rapporto 3,66 : 1
ingranaggi elicoidali
anti-ritorno disinseribile
bobina in alluminio e dello
stesso colore del corpo
colore vari colori
note

 

Articoli vari
Marchi ITALIANI
Accessori Pesca
Mulinelli ESTERI
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Eventi del settore
Libri di riferimento
Riconoscenze
HOME   -   CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  AVVISI VARI  -  NOTE LEGALI
 

ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102


www.antipes.it

 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2019
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.