<< Zangi  
PIONEER 1, 2 e 3
Zangi Pioneer 1 2 3 - vecchi mulinelli italiani

Questa particolare famiglia di mulinelli si compone di 3 modelli in scala di non facile reperimento.
Dalle ricerche che ho potuto eseguire nel tempo sono giunto ad ipotizzare che la Zangi, a suo tempo, per diversi prodotti aveva intrapreso diverse collaborazioni internazionali concretizzate nella nascita di modelli molto particolari !
In tal senso mi riferisco a tre casi documentati e verificabili, oltre ai Pioneer (compreso i TedWilliams 350/450/550) riguardano anche gli "Holliday" e gli "OldPal"!
Nello specifico e relativamente ai Pioneer e ai "TedWilliams" basta fare riferimento al brevetto USA
n.2879954 (stesso numero di brevetto degli Holliday) relativamente al progetto di Edward F.Small, registrato in data 27 giugno 1956. Essendo tutti i modelli marchiati "Made in Italy" e certo che siano stati fabbricati nelle officine di Torino, alla luce di quanto esposto, occorrerebbe rivalutare almeno la paternità riguardante la "girante (completa di prendi-filo fisso)"  !
Naturalmente lo studio continua nella speranza che possano essere chiariti in futuro ulteriori dettagli.

Visualizza i mulinelli progettati da Edward F. Small
(by Steven K. Vernon and Randy Heller)
 
Pioneer 1 2 3 parts-list (esploso parti)
 

Il Pioneer 1 è il modello minore della serie e destinato alla pesca leggera, il suo peso è di 210g.

Il Pioneer 2 e 2S, mulinello adatto alla pesca medio-leggera, il peso è di 320g.

Il Pioneer 3 e 3S, è il modello grande della serie, destinato alla pesca pesante, fondo e in mare, il peso è di 420g.

I 3 mulinelli hanno la sola base del corpo nelle misure dell'Atom, del 2000 e del Titan.
Le colorazioni possono essere varie, totalmente anodizzati con variazioni tra il verde-scuro ed azzurro-scuro oppure verniciati in amaranto. I modelli n.2 e n.3 presentano anche una curvatura del gambo del piede simile al "Tornado Super" e "999".
Almeno per quanto già visionato, le stesse versioni marchiate "S", sempre relative al n.2 e n.3, stranamente non presentano la piegatura del gambo (stessa cosa succede anche per i modelli TedWilliams 451 e 551). Sui modelli "S" non è presente la bordatura sul perimetro del coperchio laterale ed è inciso solo il nome e il numero del modello e senza le scritte "Patent" e "Zangi".
Per onor di cronaca e documentazione, devo anche segnalare che posseggo alcuni carter "S" (pezzi di ricambio) speculari a quelli presenti nelle versioni normali !

Il funzionamento del sistema per il recupero della lenza è similare a quello del Pelican 350 anche se il prendi-filo ha dimensioni maggiori.

 
 
ZANGI Pioneer - vecchio mulinello italiano prodotto a Torino
 
 
 
 
 
In questa ultima immagine espongo uno particolare Pioneer 3-S (immagine presa dal web) verniciato in grigio-chiaro; naturalmente non ho certezza dell'originalità del modello!
 
Sergio Di Marco- Giugno 2012  
(ultimo agg.nto Gennaio 2014)  
(ultimo agg.nto Novembre 2018)  

Scheda Tecnica

peso 210g / 320g / 420g
rapporto 3,66 : 1
ingranaggi elicoidali
anti-ritorno disinseribile
bobina in alluminio e dello
stesso colore del corpo
colore vari colori
note

 

Articoli vari
I Marchi Italiani
Accessori Pesca
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Eventi del settore
Libri di riferimento
Riconoscenze
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   IT   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  AVVISI VARI  -  NOTE LEGALI  -  FORUM
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2019
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.