Zangi Titan - vecchio mulinello prodotto a Torino
<< Zangi  
Titan

Il “Titan” rientra nella famiglia che comprende anche i modelli “2000 ed "Atom". Si tratta mulinello di taglia medio-grande adatto alla pesca a fondo e in acqua salata.
Le prime versioni si distinguono dalle successive per avere un archetto fissato con una piccola vite anziché risultare saldato al ponticello dell'orecchiétta in cui è inserito il rullino del passa-filo.

Zangi Titan - particolare del prendi-filo archetto
 
Zangi Titan - particolare del prendi-filo archetto

La meccanica è costituita da una grossa corona a denti elicoidali che nei primi esemplari, anche se non in tutti, era realizzata in bronzo mentre nelle versioni successive risulta in acciaio così come il pignone.

Zangi Titan - particolare meccanica interna
 
Zangi Titan - particolare meccanica interna

La bobina è realizzata in "silumin" (una lega leggera e di alta resistenza: alluminio + silicio) e in base alle versioni veniva verniciata o anodizzata. La capacità è abbastanza ampia, può accogliere 300 metri di monofilo dello 0,35 mm di diametro.

Zangi Titan anodizzato versione S
 
Zangi Titan nero versione S

Le versioni che riportano la lettera "S" sul carter laterale presentano la manovella sul lato destro del corpo. Per chi non sapesse ancora, per i tecnici Zangi la piccola lettera "S" stà ad indicare a "sinistra"; naturalmente ci si riferiva alla mano che procedeva al lancio!
E' doveroso precisare che tale regola non venne sempre stata applicata.
Per il "Pelican 100" la versione con manovella a destra è stata rinominata in "101", così anche i modello "2000" in "2001", ma anche 3000 in 3001; stessa cosa è successa anche per i tanti mulinelli prodotti per l'estero e per le prestigiose società come: Orvis; TedWilliams; Pescador; ecc..
.

Nel tempo il Titan è stato proposto sul mercato in diverse colorazioni ed abbinamenti. La versione più comune è quella in cui il mulinello risulta completamente anodizzato; a seguire è possibile trovarlo verniciato in nero, oppure negli abbinamenti in "anodizzato-azzurro" o nella versione più rara in "marrone-oro" (non si escludono altre possibili varianti).

Zangi Titan - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Zangi Titan - meccanica interna
 
Zangi Titan - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Zangi Titan - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Zangi Titan - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Zangi Titan - marrone e oro - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Zangi Titan - marrone e oro - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Zangi Titan - marrone e oro - vecchio mulinello prodotto a Torino
 
Sergio Di Marco- giugno 2012   
agg.nto marzo 2015 - ultimo agg.nto ottobre 2017   

Scheda Tecnica

peso 450g
rapporto 3,25
ingranaggi a denti elicoidali
anti-ritorno disinseribile
bobina silumin anodizzata o verniciata
colore vari colori
note ----
Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2018
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.