Staro - vecchio mulinello Svizzero
<< STARO  

Questo mulinello venne progettato dall'Ing Albert Glaser a metà degli anni "30 a Zurigo (Svizzera). Il primo brevetto che si conosce, n."CH187036", risale al 17 marzo del 1936 e a cui seguirono una miriade di ulteriori aggiornamenti. Proprio dalla "I° versione" di questo modello hanno preso vita rare copie italiane come l'ISEO  e lo GIMAR, oltre ai vari BTS - ALBATROS.

Staro - disegni brevetto del 1936
 
Staro - brevetto 1936
 
Visualizza il brevetto del 1936 (Inglese) file PDF Acrobat
Visualizza il brevetto del 1936 (Tedesco) file PDF Acrobat
 
 
  STARO - I° versione
 
Staro - I° versione -  vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - I° versione
 
Le due immagini che seguono espongo quanto riportato da Giovanni Randone Olgiati nel suo volume "LANCIARE", edizioni del 1943 e del 1945.
Staro - descrizione libro Lanciare del 1943
"Lanciare" edizione del 1943.
 
Staro - descrizione libro Lanciare del 1945
"Lanciare" edizione del 1945.


  STARO - versioni successive
 

Le versioni successive alla prima si distinguono per la raffinata qualità costruttiva, per i tanti accessori disponibili e in particolare per le sofisticate soluzioni tecniche adottate.

Staro di produzione svizzera
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
Il principale punto di forza, che ha permesso il successo di questo mulinello, era dovuto al fatto che sullo STARO potevano essere facilmente sostituiti, senza l'utilizzo di alcun attrezzo, diverse tipologie di rotori sia a predi-filo fisso che con archetto e in due differenti misure di diametro. Tale meccanismo permetteva di soddisfare qualsiasi esigenza di pesca e senza doversi dotare di ulteriori mulinelli. Una levetta posta appena sopra la ghiera della frizione, permette l'apertura del sofisticato meccanismo di vincolo a tre tenoni e la sostituzione facile e rapida del rotore. La bobina invece deve essere solo svitata in senso anti-orario dall'alberino.
Satro - dettaglio della leva per il blocco della girante
Così come nella prima versione, il sistema adottato per la frizione è regolato da una ghiera in plastica interposta tra il corpo e la girante. La pressione generata dalla ghiera agisce su un disco che frena il rotore e non la bobina.
Nelle versioni successive, il disco frizione può essere regolato al variare dell'usura nel tempo grazie ad un piccolo rivetto di blocco posto vicino ai tenoni di vincolo del rotore (come evidenziato nella successiva immagine)
 
L'alta qualità costruttiva e le tolleranze bassissime nella realizzazione dei componenti, permettono al mulinello di essere sufficientemente scorrevole anche se corredato solo di semplici bronzine auto-lubrificanti.
Staro - dettagli interni versione successive alla prima
 
I modelli identificati con la sigla "D0 / P0 / P10" erano dotati di una girante a prendi-filo fisso, le restanti tipologie, "D1 / P1 / P11" erano corredate del meccanismo con l'archetto automatico.
Il semplice e fluido meccanismo di scatto è azionato da una sporgenza in metallo presente sul bordo della bobina e su cui impatta un piccolo bilanciere che libera l'archetto al primo giro di manovella.

Staro - mulinello prodotto in Svizzera

 
Staro - pubblicità USA del 1953
Immagine di una pubblicità del 1953.

Ecco una piccola innovazione presente nella bobina dello STARO.
Tramite una monetina è possibile variare l'altezza del recupero della lenza in tre diverse posizioni così come esposto dai disegni raffigurati alla base della bobina stessa.

Staro - vecchio mulinello Svizzero
I rotori grandi con abbinato le bobine marchiate "SP58" (diametro da 58mm) permettono un recupero di 55cm di lenza per giro di manovella, i rotori più piccoli con le bobine "SP 47" (da 47mm ) recuperano solo 44cm.
 
La manovella ha subito una sensibile modifica nel tempo; nel modello iniziale era identica a quella presente nell' ISEO e nello GIMAR.
Il profilo era piatto a sezione rettangolare e grazie ad una piccola ghiera poteva essere smontata e ribaltata sull'asse della corona.
STARO I° versione - dettaglio manovella
Dettaglio manovella prima versione.
 
Nelle versioni successive viene completamente ridisegnata. Da questo momento la manovella potrà essere svitata o come nelle ultime versioni, solo avvitata ed avvicinata al corpo del mulinello evitando anche di poterla smarrita accidentalmente!
Staro - dettaglio manovella versioni successive
 
Staro - dettaglio manovella versioni successive alla prima
Dettaglio manovella versioni più recenti.
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - vecchio mulinello Svizzero
 
Staro - mulinello prodotto in Svizzera
 
Staro - mulinello prodotto in Svizzera
 
Staro - mulinello prodotto in Svizzera
 
Segnalo che alcune importanti informazioni oltre che diverse immagini, sono state recuperate da web nel Forum "Orca on line"
della prestigiosa Associazione O.R.C.A. (USA)
a cui sono iscritto da diversi anni.
 
Sergio Di Marco - Marzo 2019  
- ultimo agg.nto Luglio 2019  
 

Scheda Tecnica

peso 280g
rapporto 1 . 2,9
ingranaggi elicoidali
anti-ritorno infinito
bobina metallo / materiale plastico
colore

vede / grigio

note
  • i primi modelli sono rari
  • le versioni successive sono relativamente comuni
Articoli vari
Marchi ITALIANI
Accessori Pesca
Mulinelli ESTERI
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Eventi del settore
Libri di riferimento
Riconoscenze
HOME   -   CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  AVVISI VARI  -  NOTE LEGALI
 

ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102


www.antipes.it

 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2019
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.