<< Zangi 2000 - I versione  

Ho iniziato a lavorare su questa scheda tecnica ancor prima di aver trovato il modello descritto. Questo è il risultato di svariati approfondimenti tecnici ottenuti dal confronto con diversi colleghi collezionisti ZANGI e in particolare con il grande Ben Wright.

Vi espongo l’ordine cronologico di quanto verificato:

  • Ad inizio del 2013 un collezionista d’oltreoceano mi aveva sottoposto alcune immagini relative a un Ted Williams 400 con le stesse caratteristiche del modello esposto nella scheda;
  • Ad Aprile del 2014, ho potuto acquisire uno dei primi cataloghi Zangi datato inizio anni ‘50 che descrive e riporta in dettaglio il modello della scheda. Tale catalogo mi ha permesso di chiarire e ricostruire diverse importanti questioni nonché di poter documentare la nascita del primo modello Zangi: il Pelican 100;
  • A giugno del 2014, ho avuto modo di analizzare alcune immagini relative ad uno Zangi 3000 che presentava la stessa rotellina dell’anti-ritorno come quella presente sul modello descritto;
  • A luglio del 2014, un collega collezionista d’oltreoceano mi ha ceduto un primissimo modello Jolly (senza scritta sul carter laterale) con un pomo dell’anti-ritorno anch’esso identico a quello della scheda;
  • A maggio del 2015, ho finalmente trovato ed acquisito questo particolare Zangi 2000 che mi accingo ad esporre.

Differenze rispetto alle successive versioni.

Sicuramente la prima cosa che si nota è la presenza di un singolare pomellino dell’anti-ritorno di forma rotonda con l'accenno di tre piccole razze. Tale rotellina risulta sensibilmente diversa dalle successive ma simile (non identica) a quella già conosciuta e presente sui modelli "OMA” e VERBANO” , sempre di produzione nazionale. Ciò ha indotto diversi collezionisti ad una errata attribuzione, ritenendola non originale! Ammetto che anch’io ero inizialmente della stessa opinione finché non mi sono ricordato di quanto esposto nel vecchio catalogo Zangi !

L'archetto, a differenza delle versioni successive, risulta composto da due pezzi separati: arco ed orecchietta scatto.
Inoltre, il profilo dell’arco, per un breve tratto e nelle vicinanze del prendi-filo, presenta un leggero “appiattimento” di rinforzo. Anche la parte terminale, opposta all’orecchietta e al prendifilo, anziché essere realizzata con il filo dell’archetto stesso e a forma di asola è, in questo caso, sostituita da una rondella.

Anche il pomo della frizione è diverso dai successivi; su questa versione non sono presenti le tre sferette di tenuta sul primo disco della bobina.

Non per ultimo, la sezione della leva della manovella ha uno spessore ridotto ( dimensioni rilevate a metà lunghezza - spessore 4,4 mm / larghezza 8 mm). Il pomo presente è sempre a forma di cono di bottiglia. In questo caso, il perno filettato è solidale al corpo della manovella e per tale motivo non sono presenti il fermo e la fresatura necessari al ripiegamento e quindi alla riduzione dell’ingombro. In sostituzione, la manovella, una volta svitata, resta ancorata ad un piccolo fermo che scorre all'interno dell'asse della corona. Questo semplice meccanismo evita la rimozione completa della manovella e impedisce che venga smarrita accidentalmente.

Nel vecchio catalogo Zangi, è riportato che questo modello poteva essere ordinato con un rapporto lento (1:3,67) oppure veloce (1 : 4,1), inoltre, risultava adatto alla pesca in mare.

Nelle versioni successive si possono notare delle evidenti semplificazioni costruttive.

Come sempre, spero che le immagini esposte a corredo possano ancor meglio chiarire quanto descritto.

Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
Zangi 2000 - prima versione
 
"Ted Williams 400" identico allo "ZANGI 2000" esposto nella scheda
ZANGI - Ted Williams 400 prima versione
 
ZANGI - Ted Williams 400 prima versione
 
"ZANGI Jolly" con lo stesso pomellino dell'anti-ritorno
ZANGI Jolly prima versione
 
ZANGI Jolly prima versione
 
ZANGI Jolly prima versione
 
"ZANGI 3000" con lo stesso pomellino dell'anti-ritorno
ZANGI 3000 prima versione ZANGI 3000 prima versione
 
Zangi 3000 - prima versione
 
Sergio Di Marco - Settembre 2015    
 
Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco- 2012 / 2016
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.