<< Dettagli tecnici dei "Torino"...  

Grazie alla preziosa collaborazione di due amici e grandi collezionisti, Giuliano Guidetti e Claudio Lottici, ho potuto chiarire e quindi documentare alcune questioni tecniche poco conosciute relative agli Zangi Torino e al Webley N.2 Supercast a bobina-inclinata!
L’amico Giuliano mi ha fatto notare che le giranti dei Torino sono state realizzate unendo due parti (due metà) dopo il processo di presso-fusione. Inoltre, la verniciatura dei corpi e delle giranti, essendo stati sottoposti a un processo anodico, risulta abbastanza approssimativa perché complicata ad eseguirsi !
Tali problematiche riguardano i "Torino" verniciati in nero dove è possibile notare, sul lato esterno della girante, due limature contrapposte eseguite in modo poco rifinito. Sugli stessi si possono notare anche delle leggere colature di vernice che, in un minor numero di casi, possono risultare anche abbastanza pronunciate.
Quello che poteva sembrare una "riverniciatura" risulta in realtà un processo produttivo “originale” effettuato direttamente in fabbrica!
Anche se "strano" per un prodotto Zangi .... dobbiamo prendere atto che, in ragione della produzione ad ogni costo, si è trascurato l’aspetto esteriore di questo prezioso mulinello!
Tutti i modelli che ho avuto modo di analizzare riportano, anche se con diversa entità, le problematiche sopra descritte!

Le immagini esposte di seguito spero possano ancor meglio evidenziare quanto descritto!

 
 
Sergio Di Marco - luglio 2015    
 
Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco- 2012 / 2016
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.