Nettuno ARTES
<< Artes  

Nettuo I e II versione

A mio parere, dopo molte ricerche nel WEB, che non hanno dato alcun esito, e dopo aver attentamente analizzato l’oggetto mi sono fatto una opinione personale di questo Marchio. La sigla è composta da due parti la AR, potrebbe indicare la voce Articoli, e la TES, Tessitura, quindi Articoli per Tessitura, in effetti le attinenze sono molteplici.
Questo mulinello in passato, è stato classificato tra i Nettuno, ma come evidenziato dall’Autore, non ha nulla a che fare con il Marchio Nettuno, è palese intuire, che in questo caso si tratti di un “modello” NETTUNO non di un Marchio.

Artes, differenze tra I e II versione
 
 
ARTES I versione

Uno degli aspetti più affascinati della attività di raccolta di vecchi mulinelli, è questa che mi accingo a raccontare.
Ho passato quasi metà della mia vita a collezionare mulinelli sopratutto Nettuno, (solo da poco ho potuto verificare che questo mulinello non ha niente a che fare con i prodotti della Casa di Nova Milanese).
Per lungo tempo ho cercato questo modello e nonostante la lunga militanza negli ambienti del Collezionismo e le manifestazioni del settore, non ne avevo neanche mai sentito parlare.
E all’improvviso, ecco apparire come dal nulla, un esemplare in Inghilterra, che prontamente ho acquistato.
La cosa straordinaria è stata che dopo pochi giorni, in occasione di una Fiera, ho quasi per caso, trovato addirittura quello che sembra un prototipo o comunque una versione precedente. Vediamo le differenze:

  • Questa esemplare non ha nessun tipo di frizione, mentre la successiva ne ha addirittura due;
  • Nonostante queste deficienze, il peso è superiore di dieci grammi, dovuto sopratutto a gli spessori dei particolari, molto generosi, non è anodizzato;
  • Il guidafilo è incastonato nel corpo anzichè esterno;
  • Il contrappeso di bilanciamento del pomo manovella è più piccolo.

Il numero di serie “25”e comunque modesto, e quindi lascia spazio all’ ipotesi che si tratti di un prototipo.

 
 
 
 
 
ARTES II versione

Analizziamo questo raffinato oggetto, molto curato nei dettagli, la realizzazione meccanica è ottima, le parti sono state anodizzate di un bel celeste chiaro.
La bobina è realizzata da pieno per tornitura, ed è montata su bronzina autolubrificante, il pomo manovella in alluminio, è bilanciato con un contrappeso in acciaio posto a 180°, e dotato inoltre di un anello guidafilo per il lancio.
Ma la particolarità, sta nella realizzazione di una frizione rapida, mai vista su questo tipo di raccoglitori, si tratta di una leva posta al lato opposto della manovella, che ruotando su due piani inclinati, ne determinano una escursione in avanti, che provoca il serraggio della bobina.
Il pescatore può comunque scegliere di utilizzare la frizione “normale”, azionata dal classico pomo al centro della bobina, oggi lo chiameremmo <<FULL CONTROL>>.

Nettuno ARTES
 
Nettuno ARTES
 
Nettuno ARTES
 
Nettuno ARTES
 
Renzo Di Paolo - giugno 2013 ( ultimo agg.nto gennaio 2014)  

Scheda Tecnica

peso 135 g
rapporto 1 : 1
ingranaggi no
anti-ritorno no
bobina alluminio
colore Celeste anodizzato
note

Frizione rapida.

Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco- 2012 / 2016
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.