ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
<< Artiglio  

Questo mulinello è da sempre il più ambito e ricercato da i collezionisti di qualsiasi livello, anche i neofiti lo conoscono.
In Italia, molti raccoglitori lo posseggono e altrettanti lo vorrebbero avere. Quando ho cominciato questa attività negli anni 90, e dal momento che ho iniziato a frequentare l’ambiente delle mostre e dei raduni, questo oggetto era sempre presente nelle discussioni tra i grandi collezionisti, era “l’araba fenice”, i pochi fortunati che lo possedevano, ( generalmente i più facoltosi ) l’avevano pagato svariati milioni di lire.
A me, andò meglio, il 10 Ottobre 2005, dovetti approntare un viaggio di 1500 chilometri, per effettuare uno scambio, lo ottenni in cambio di un Alcedo raro. Ricordo che la notte seguente non riuscii a dormire tanta era l’emozione e l’eccitazione di avere raggiunto un traguardo dettato nell’opera di Silvano Baraldi nella quale si evince questo passaggio: è uno dei più bei modelli che non possono mancare in una collezione che si rispetti!
Veniamo all’esame dell’oggetto vero e proprio, la caratteristica forma a “fanale di bicicletta” lo rende inconfondibile.
Fu realizzato da Cavalleri Sergio Renzo, alla fine degli anni quaranta, e poi, forse a causa del successo ottenuto, cedette il brevetto alle Officine Meccaniche Cremonesi.
Da questo dato, si può facilmente intuire che ci devono essere almeno due versioni, quella originale del Cavalleri, e la successiva “industriale” delle Officine Cremonesi.
Innovativa è la bobina, che già all’epoca, poteva vantare lo straordinario sistema a vite, che ne consentiva la sostituzione, senza variare la misura della frizione. Purtroppo questo dispositivo, ha penalizzato il pomo frizione che per ragioni di dimensionamento, risulta disagevole e inadeguato.
A tal proposito e per dovere di cronaca, devo ricordare che sono state rinvenute delle bobine verniciate, questo potrebbe significare che sono state prodotte alcune versioni colorate. L’archetto è a cono, assistito da un eccentrico di acciaio brunito che a sua volta e comandato da una camma a forma di cuore, il tutto ha un aspetto delizioso. La rotazione è garantita da una smisurata coppia di ingranaggi conici, l’alberino e sostenuto e guidato da una bussola in acciaio alloggiata in fondo al cono del corpo, il movimento assiale è generato dal classico perno eccentrico fissato sulla corona. L’antiritorno non disinseribile, è del tipo, con molla a torsione, il quale garantisce un sistema di “antiritorno infinito”, che venne poi utilizzato da molti produttori ad esempio Luxor, Crack, Ho voluto smontarlo perché, non ho mai visto in nessuna pubblicazione l’esploso che ne mostri la meccanica interna.
Il motivo secondo me, è che viene eseguita da meri “smontatori”, che di solito non hanno ne le nozioni, ne le capacità o il coraggio che occorrono per operare su pezzi di questa entità. La mia esperienza di attrezzista, e parallelamente di riparatore e restauratore di mulinelli antichi, consentono di eseguire operazioni delicate come questa.

ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
 
ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
 
ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
 
ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
 
ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
 
ARTIGLIO - antico e raro mulinello itliano
 
Artiglio - bobine colorate
 
Artiglio - bobine colorate
 
Renzo Di Paolo - giugno 2014  

Scheda Tecnica

peso 340g
rapporto 1 : 3
ingranaggi conici
anti-ritorno presente
bobina in alluminio smontabile
colore

non verniciato

note
  • mulinello raro
Eventi del settore
I Marchi Italiani
Articoli vari
Mulinelli Esteri
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Il forum ANTIPES
Libri di riferimento
Avvisi importanti
HOME   -   IL  COLLEZIONISMO   -   LA STORIA   -   I MARCHI   ITALIANI   -    CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  DOCUMENTI ASSOCIATIVI  -  NOTE LEGALI
 
ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102
www.antipes.it
 
 
realizzazione web Sergio Di Marco- 2012 / 2016
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.